di utilità per gestire i nostri golden retrievers, a casa, un’aiuto in più per chi vive in un’altra regione o Nazione (a supporto del resto del tomo/ Manuale Code di Zucchero che avrete ricevuto con il puppies e tutte le altre sue certificazioni) :

Questo che ora mettiamo nel sito, è un bottone nuovo, “d’aiuto aggiuntivo” per  Voi Code di Zucchero golden Family, sopratutto per chi, non  vivete nel Lazio; per il resto delle cose, più importanti, lo sapete, le spieghiamo alle puppies class, e/o ai ns raduni, nelle nostre passeggiate si trekking, nei nostri pool party,  e  tutti i giorni nel nostro affezionato, gruppo chiuso Code di Zucchero su FaceBook, -così anche dove anche se vivete ad Aosta, Agrigento, Bari, Roma, Modena, Torino, Matera, Brindisi, Lucca, Pistoia, L’Aquila, Rieti, Firenze, Napoli, Milano, Ragusa, Sassari, Cagliari, nelle isole dell’Elba, Capri,  Sharm El Shaik, Maldive, in un batter di tasto stiamo in contatto SEMPRE, oltre che con una chiamata al mio telefono.

 

 

Cani che scavano

Se il tuo cane sta lentamente trasformando il giardino in un paesaggio lunare pieno di crateri, non disperarti, perchè è un atteggiamento istintivo che si può correggere. Il primo passo che dovrai fare è cercare di capire la ragione per la quale sta scavando. Normalmente il cane scava perchè segue un istinto predatore o per sotterrare ossa o giochi. In quest’ultimo caso si tratta di un atteggiamento primitivo per impedire ad altri predatori di trovare il cibo.

Un cane, ma soprattutto una cagnetta incinta, e/o con una gravidanza isterica,  può scavare per creare una tana. Anche il caldo può indurre i cani a cercare la terra fresca per refrigerio oppure a procurarsi un riparo all’ombra. Se il tuo cane sta scavando vicino ad una staccionata o cancello sta semplicemente tentando di uscire dal giardino. In altri casi ancora i cani scavano semplicemente per noia o per divertimento.

Che cosa puoi fare?

Una volta individuata la causa, diventa semplice addestrare il tuo cane. Tutto quello di cui hai bisogno è un po’ di pazienza e perseveranza. Se il tuo cane scava soprattutto perchè ha individuato una possibile preda, dovrai trovare un modo affinchè non segua questo istinto. L’ideale sarebbe mettere un oggetto che faccia da schermo e gli impedisca di vedere gli altri animali – dopotutto, se non può vederli, non sarà tentato di cacciarli. Se le prede si trovano all’interno del giardino, non dovrebbe essere abbastanza veloce da catturarle  – scoiattoli e uccelli sono più veloci di un cane. Anche i ratti e i topi sono molto più rapidi. Fa’ attenzione se usi del veleno, potrebbe nuocere anche al cane.

Scaricare energie

Se il tuo cane sta semplicemente cercando di scaricare energie in eccesso, dovresti pensare di fargli fare più esercizio. Fa’ delle passeggiate più lunghe o più frequenti e cerca di fissare un momento di gioco includendo attività come il recupero di oggetti o la palla, in modo tale che si stanchi. Non punire mai il tuo cane per aver scavato una fossa, a meno che non lo sorpendi sul momento. Anche se lo porti davanti alla buca, non sarà in grado di associare la buca alla punizione.

 

 

 

 

 

Cani che mangiano le feci

Molto frequentemente i cani hanno comportamenti che i proprietari non riescono ad interpretare e che suscitano il loro disappunto nonchè il loro disgusto.

La coprofagia, ovvero l’ingestione delle proprie feci o quelle di altri animali, sicuramente è il più comune e ha sempre dato luogo alle più svariate interpretazioni, dalla carenza alimentare alla semplice degenerazione del gusto.

Per i cani, però, questo comportamento non è poi così strano, anzi, tra loro è assolutamente normale. Non dobbiamo dimenticare che, esattamente come i lupi, i cani non sono carnivori obbligati, quindi da un punto di vista alimentare assumono spesso materiali organici che si trovano nell’ambiente. Del resto, non è infrequente vedere cani attratti anche dall’immondizia.

Oggi i nostri cani sono ben alimentati e si limitano ad ingerire saltuariamente le feci di altri animali (soprattutto di grandi erbivori quali cavalli e bovini), sicuramente perché ricche di fibra ingerita, senza che necessariamente siano presenti patologie o carenze alimentari come accadeva un tempo.

L’assunzione delle proprie feci ha invece una valenza diversa e leggermente più complessa. Generalmente sono i cuccioli ad avere più spesso questo atteggiamento: nel periodo infantile dei cani, così come in quello degli umani, l’esplorazione dell’ambiente è essenzialmente “orale” e avviene quindi attraverso l’ingestione di qualsiasi cosa si trovi a portata di bocca nel mondo circostante, comprese le feci.

In più, se il cucciolo viene lasciato solo, questo atteggiamento sarà ancora più accentuato dalla noia e dalla mancanza di altri stimoli e relazioni sociali.

Ma anche per i cani adulti mangiare le proprie feci (o quelle di altri animali) non è affatto anormale.

Le sostanze alimentari presenti in esse sono in digerite e in genere sono sostanze grasse, fibre muscolari e amidi. Queste sostanze si trovano nelle feci quando possono essere presenti problemi di malassorbimento, cattiva digestione o in casi più rari, parassitosi intestinali.

Il problema si risolve somministrando alimenti di qualità e quindi altamente digeribili. Altre cause di elementi in digeriti presenti nelle feci possono essere l’insufficienza pancreatica oppure le gastriti: un’alimentazione inadeguata a base di cibi poco digeribili causa infatti una cattiva assimilazione degli stessi con la loro conseguente eliminazione per via fecale. Inoltre, in presenza di più cani, si crea spesso una concorrenza alimentare che aumenta la voracità e provoca indigestione.

Bisogna prestare particolare attenzione alle feci dei gatti (ricche di proteine) che sono dannose per il cane.

Una spiegazione a parte riguarda il comportamento materno: le cagne mangiano frequentemente le feci dei loro cuccioli quando li lavano poiché è proprio questo meccanismo di leccamento che induce la minzione e la defecazione. Allo stato brado, inoltre, ingerire gli escrementi dei cuccioli riduce la possibilità che dei predatori trovino la prole ancora vulnerabile.

Comportamenti da evitare: è importante non mettere mai il naso del cane sui suoi escrementi per rimproverarlo; questo gesto farà pensare al cane che gli state indicando di mangiarle. Piuttosto, per educarlo a defecare nei luoghi adatti, è importante sgridarlo con un “NO!” quando lo sorprendete in casa e lodarlo quando vi trovate fuori.

È importante quindi capire che la coprofagia è un comportamento istintivo del cane che si può prevenire attraverso la somministrazione di alimenti completi e bilanciati, altamente digeribili e con pochi residui, che soddisfino appieno i fabbisogni e il gusto del cane.

Se comunque si dovesse presentare questo comportamento anche nutrendo il cane con alimenti di ottima qualità, è sufficiente recarsi dal proprio veterinario che ti saprà dare ottimi consigli al riguardo.

 

 

 

Cani spaventati dai tuoni

La paura dei tuoni è una fobia comune nei cani. Di solito si nascondono, guaiscono, abbaiano, scavano o addirittura non trattengono la pipì. Nessuno è veramente sicuro del motivo per il quale siano spaventati dai tuoni. Pare sia più comune in alcune razze che in altre, i golden generalmente non sono soggetti a cui, ma magari possono avere preso una scarica elettrico sul portico, e/o nel terreno durante un temporale.

In tal caso la paura del tuono, è direttamente collegabile, ma è difficile da trattare ma è importante provarci perché il problema si acuisce con l’età.

Un cane che ha paura dei temporali può mostrare un comportamento ansioso molto prima che i tuoni inizino. La pioggia che batte sul tetto della casa, lampi di luce o anche un semplice calo nella pressione atmosferica prima del temporale potrebbero essere sufficienti a suscitare una reazione ansiosa. La paura dei fuochi d’artificio è ugualmente comune nei cani che sono spaventati dai tuoni.

 

Non punire né coccolare

Quando si tratta questa fobia è importante non punire il vostro cane per la sua  ansia nemmeno coccolarlo troppo poiché potrebbe peggiorare il problema.  Punire il cane potrebbe renderlo ancora più spaventato e ansioso, perché assocerebbe il tuono non solo alla paura ma anche alla punizione. Coccolare o consolare troppo il tuo cane è allo stesso modo sconsigliabile perché potrebbe suggerire al tuo cane che questo comportamento ansioso è per lui conveniente.

 

Sicurezza e rumore

Una delle prime cose da fare per un cane che ha paura dei tuoni è fornirgli un posto sicuro dove andare durante il temporale. La gabbietta (usata per trasportare i cani) sotto il letto o una sedia sono le scelte più comuni per un nascondiglio. Il tuo cane sceglie questi posti perché lo fanno sentire protetto e  attutiscono il rumore che li spaventa. Se il tuo cane non ha ancora trovato un posto, trovane uno tu. Potresti lasciargli un paio di croccantini proprio in quel posto per incoraggiarlo ad andare lì durante il temporale.

Fornire al vostro cane un posto sicuro dove andare durante il temporale lo aiuterà a calmare qualche sintomo di ansietà ma non risolverà il problema alla radice. Questa è l’impresa più difficile, per la quale probabilmente avrai bisogno di un veterinario o di un specialista del comportamento. La chiave è desensibilizzare il tuo cane al rumore del tuono o agli altri stimoli associati al tuono. Prima inizi il trattamento, più rapidamente osserverai dei risultati positivi.

 

Soddisfazioni grazie alla dimestichezza

La desensibilizzazione deve essere fatta gradualmente. Fondamentalmente il tuo cane dovrà abituarsi al rumore del tuono affinché lo veda come una cosa normale. Questo si ottiene registrando un tuono a basso volume e a piccoli intervalli. Il rumore del tuono deve giungere improvvisamente per simulare il vero tuono.  Mentre lo fai, controlla il comportamento del tuo cane. Prova a distrarlo facendogli ascoltare il suono durante il gioco, o quando è impegnato in un altra attività divertente.

Se il tuo cane è troppo spaventato per partecipare allora abbassa il volume del “tuono” e prova più tardi. Questo potrebbe diventare un lungo processo che richiede molta pazienza ma alla fine il vostro cane sarà più a suo agio durante un temporale.

 

 

Quando la masticazione diventa sinonimo di distruzione

I cani usano la bocca in modo molto simile a come noi usiamo le mani – come strumento di esplorazione. Ciò significa che esaminano ogni cosa gli interessi masticandola. Sfortunatamente questo comportamento induce alcuni cani a distruggere praticamente tutto, diventando quindi un vero problema.

 

Perchè masticano?

I cuccioli istintivamente masticano la mammella della madre durante l’allattamento. Quando diventano più grandi possono masticare oggetti con cui stanno giocando, per non annoiarsi o semplicemente per istinto. Questo comportamento può manifestarsi anche quando il cane si trova in un ambiente non familiare o quando ha un senso di ansia per una separazione.

E’ essenziale conoscere la causa che porta il cane a masticare gli oggetti: solo in questo modo è possibile scoraggiare questa cattiva abitudine. Se il tuo cane mastica una grande varietà di oggetti della casa anche in tua presenza, probabilmente lo fa per noia. Forse ha bisogno di giocare di più, oppure di fare maggiore esercizio fisico per sfogare un eccesso di energie. Dando al tuo cane dei giocattoli potrai aiutarlo ad eliminare questo comportamento sbagliato.

 

Problemi di allattamento

Se il tuo cane è ancora un cucciolo che viene allattato, dovrai aspettare che cresca. Quando è possibile, cerca di deviare l’attenzione del cucciolo dagli oggetti ai giocattoli, sicuramente più appropriati da masticare. Potresti anche mettere alcuni croccantini congelati nelle forme per i ghiaccioli o lasciare qualche gioco nel freezer prima di darglielo. Non solo morderà solo quello che gli indichi tu, ma il giocattolo freddo avrà anche un effetto lenitivo sui suoi denti. Alcuni cani masticano per ansia da separazione.

Probabilmente stanno masticando e graffiando per riuscire a scappare dalla zona in cui sono stati lasciati. Potrebbero anche masticare degli oggetti inappropriati per una reazione nervosa alla tua assenza. In questo caso è più difficile correggere il comportamento perchè si manifesta in tua assenza ed è l’ansia stessa da separazione a provocarlo. Gli etologi che studiano i cani usano la socializzazione, la desensibilizzazione e delle tecniche di risposta-condizionamento per curare questo tipo di problema.

 

La chiave è il corretto tempismo

L’unico momento in cui puoi effettivamente educare il tuo cane è quando lo cogli in flagrante. Se trovi una scarpa masticata un’ ora e mezza dopo che sia stato commesso “il reato”, sarà impossibile far associare al cane il comportamento sbagliato con la punizione. Potrà sembrarti che mostri un atteggiamento colpevole di fronte al tuo rimprovero, ma in realtà sta solo esprimendo la sua sottomissione. Il  momento giusto per agire è nel momento dell’azione: fermalo con un comando verbale o un rumore forte.

Quando finisce, dagli qualche gioco da masticare e coccolalo come premio. Scegliere il giusto tipo di gioco da fargli masticare è il primo passo. Non dargli mai qualcosa che assomigli ad un oggetto che non vuoi che mastichi. Se gli dai delle vecchie scarpe o indumenti, non sarà in grado di capire la differenza con quelli che indossi e usi. Esistono anche dei prodotti da applicare agli oggetti di casa per scoraggiare il tuo cane dal masticarli. Questi prodotti hanno un gusto o un odore spiacevole per i cani, ma sono innocui. Come sempre, consulta il tuo veterinario. Sarà in grado di fornirti utili consigli e suggerimenti.

 

 

In viaggio con il tuo cane

Viaggiare in macchina con il tuo cane può essere molto divertente se hai gli accorgimenti giusti. Una scarsa organizzazione, infatti, può rendere il viaggio molto stressante sia per te che per il tuo amico a 4 zampe.

Una volta deciso di portare il tuo cane con te, la prima cosa da fare è acquistare un collare con una medaglietta con i tuoi recapiti e lasciargliela sempre al collo. Il microchip può essere molto comodo come ulteriore forma di sicurezza. Prima della partenza, potrebbe essere utile per il tuo cane un po’ di addestramento di base in modo che si comporti bene durante il viaggio. Quindi, pianifica il viaggio, cosa portare con te e dove alloggiare, dato che non tutti gli hotel accettano cani!

 

Viaggiare in macchina

La macchina è normalmente il mezzo di trasporto più utilizzato per viaggiare con il proprio cane, con la possibilità che il tuo cane ci sia già salito su per andare dal veterinario o per un’uscita al parco. E’ però vero che alcuni cani possono vivere con ansia viaggiare in macchina, per questo cerca di rendere l’esperienza il più piacevole possibile variando la destinazione di volta in volta. Ad esempio, se sale in macchina soltanto per andare dal veterinario, potrebbe associare la macchina con un’esperienza negativa. Portalo di tanto in tanto al mare, al parco o al negozio per animali per comprargli uno snack e viaggiare in macchina potrebbe iniziare a piacergli!

Se il tuo cane è ancora agitato e restio a sedersi quando sale in macchina, è meglio non fare viaggi troppo lunghi e puoi chiedere al tuo veterinario un farmaco contro l’ansia, se necessario. Se al tuo cane piace fare lunghi viaggi ricorda che, come gli esseri umani, anche i cani hanno bisogno di sgranchirsi le zampe e riposarsi di tanto in tanto, quindi assicurati di fare una sosta ogni 3-5 ore. E poiché tutti i cani sono diversi, fai delle soste più frequenti se sai che il tuo cane è solito stancarsi più facilmente.

 

Cosa portare con sé

Ecco una pratica lista di cose da portare per un viaggio in macchina affinché sia tu che tu il tuo cane siate tranquilli:

▪    Guinzaglio

▪    Trasportino

▪    Acqua e una ciotola

▪    Snack

▪    Un giocattolo

▪    Coperta

▪    Sacchetto per i rifiuti

▪    Medicazioni

▪    Kit per il primo soccorso

▪    Libretto delle vaccinazioni

▪    Articoli per la toeletta

E’ anche consigliabile munirsi di una lista di cliniche veterinarie aperte durante il viaggio per essere sicuri che il tuo cane possa ricevere assistenza specializzata in caso di necessità.

 

Viaggiare in aereo

Generalmente viaggiare in aereo con il proprio cane non è ideale. Sebbene alcune compagnie consentono di portare il proprio cane fino che non supera i 10kg  in cabina in un trasportino abbastanza piccolo, i cani di taglia più grande non sono così fortunati e dovrebbero viaggiare nella stiva, cosa che sconsiglio vivamente se non dovete trasferirvi a vivere in quel luogo non raggiungibile in macchina.

 

Perché i cani mangiano l’erba?

Il tuo cane è un discendente del lupo selvatico, un nobile cacciatore e un carnivoro deciso. Lo nutri con cibi della migliore qualità possibile, ma noti che spesso il tuo cane si ciba d’ erba. Nonostante nessuno sappia con certezza perché i cani mangino l’erba, i nutrizionisti sono convinti che sia un comportamento normale che non deve assolutamente far preoccupare.

 

Sul prato

A volte i cani quando si trovano in mezzo ad un prato mangiano l’erba senza risentire di effetti collaterali. Alcuni veterinari affermano che i cani mangiano erba per compensare qualche mancanza nutrizionale. In realtà anche i cani che hanno una dieta equilibrata la mangiano. È possibile che, semplicemente, piaccia loro il gusto. In effetti potremmo paragonare l’erba ingerita dal cane ad un’insalata per gli esseri umani.

 

Comportamenti istintivi

Capita, al contrario, che alcune volte il cane vomiti dopo aver ingerito l’erba. Si pensa che il cane in questo caso mangi l’erba in modo da provocare il rigetto per espellere un alimento che gli ha procurato dei disturbi o l’ha fatto stare male. I cani che mangiano l’erba per provocarsi il vomito generalmente la ingoiano il più rapidamente possibile, senza nemmeno masticarla bene.

Le parti d’erba lunghe e poco masticate solleticano infatti la gola, portando cosí al rigetto. Se il cane dopo aver mangiato e rigettato l’erba sembra star bene, probabilmente ha già risolto da solo il suo problema. Se invece continua ad avere conati,  o insiste a mangiarla e rigettarla, allora è consigliabile portarlo da un veterinario.

 

Controllare il tipo di erba

Qualunque sia la ragione che induce il cane a mangiare l’erba, è comunque importante controllare bene che erba ingerisce. Non bisogna permettere al cane, ad esempio, che si nutra di nulla sia stato trattato con pesticidi o fertilizzanti. La maggior parte dei prodotti da giardino indicano se sono sicuri o meno per gli animali.

(nel mio manuale ad uso delle Code di Zucchero poi ci stà il lungo elenco delle piante tossiche)

 

 

 

 

Suggerimenti per affrontare il caldo estivo

Un bel caldo estivo e un po’ di sole danno la carica per superare i rigori di un lungo inverno, ma molti animali richiedono cure particolari per godere del clima estivo in tutta sicurezza.

 

Scottature

Qualunque area della pelle che non sia coperta da molto pelo corre il rischio di subire scottature. Non dare per scontato che il tuo animale si difenda da solo da questo rischio – molti non si mettono nemmeno all’ombra per ripararsi dal sole. Possono subire scottature al naso, e se la pelle presenta delle lesioni, il rischio sará ancora più alto.

I cani con il pelo bianco, le razze a pelo corto, e i cani svezzati di recente sono particolarmente soggetti a questo rischio. E’ consigliabile tenerli in casa quando il sole è al massimo della sua forza. Applica una protezione solare con fattore molto alto (una che sarebbe sicuro usare anche per un bambino) sulle orecchie del tuo cane per prevenire danni gravi causati dal sole.

Qualunque cane può soffrire di un colpo di sole quando il clima è molto caldo, ma quelli molto giovani, molto vecchi, o le razze dal naso corto, sono particolarmente soggetti a questo problema. I sintomi più comuni di un colpo di sole sono il respiro eccessivamente affannoso e persino il collasso. In questi casi devi chiamare immediatamente un veterinario. Per prevenire questo problema assicurati che nel tuo giardino vi sia ombra a sufficienza, ed evita di affaticare troppo il tuo cane quando fa troppo caldo.

 

Assicurati che abbia sempre dell’acqua fresca 

Sembra ovvio, ma è importante assicurarsi che il tuo cane abbia sempre acqua potabile a sufficienza in questo periodo dell’anno. Il cibo in scatola può deteriorarsi in fretta se lasciato all’aperto, e potrebbe attirare mosche, quindi è preferibile del cibo secco.
Controlla costantemente il peso del tuo cane. Alcuni cani passano più tempo di altri all’aperto e hanno quindi più bisogno di cibo. Altri, invece, a causa del caldo, passeranno più tempo in casa e avranno quindi bisogno di una dieta più ridotta.

 

Godersi l’estate

Nei lunghi giorni d’estate il tuo cane vorrà sempre giocare all’aperto! Fortunatamente, vi sono molti modi per godersi al meglio questa stagione.

▪    Nuotare. Molti cani amano l’acqua, e un laghetto è l’ideale per combattere il calore. Il lago e il mare sono luoghi eccellenti per far giocare il tuo cane, per inseguire oggetti che gli lanci e per nuotare. Assicurati solo che il tuo cane riesca ad uscire dall’acqua e che la riva non sia troppo ripida. Alcuni cani hanno paura dell’acqua, oppure vogliono soltanto camminare nell’acqua bassa, perciò non forzare il tuo, se ti sembra titubante. Ma se si tuffa e comincia a perfezionare il modo in cui nuota, lascia che si goda l’esperienza. Controlla sempre che una volta uscito dall’acqua non scuota eccessivamente la testa e non si gratti troppo. Questo comportamento potrebbe indicare un’infezione alle orecchie. Se nell’acqua è disciolto del cloro, sciacqua bene il tuo cane e asciugalo completamente.

▪    Passeggiate. Se il tuo cane ama passeggiare, fallo spesso. Ricorda solo che le passeggiate molto lunghe su un terreno accidentato possono mettere a dura prova le zampe del tuo cane. Prova prima a fare passeggiate corte, poi aumentane la durata gradualmente. Vi sono in commercio delle piccole borracce per cani che si piegano fino a diventare piatte. Usale per assicurarti che abbia sempre acqua da bere.

Sia che il tuo cane ami passare molto tempo all’aperto, sia se invece preferisce il più delle volte restare in casa, ecco alcuni consigli per assicurarti che le sue passeggiate siano sicure.

▪    Assicurati che abbia sempre acqua a sufficienza e che abbia abbastanza ombra per fare un pisolino e per stare al fresco

▪    Controlla spesso le sue zampe, poiché del catrame o della sabbia potrebbe incastrarsi fra le dita

Prato: non spruzzare insetticidi se il tuo cane gioca in questa zona • Assicurati che il tuo cane abbia un collare e una targhetta con il tuo numero di telefono, nel caso dovesse perdersi. Il ns Code di Zucchero ha il microchip per l’identificazione che assicura un rapido ritrovamento con la sua banca dati dell’ASL, ma dipende in che zona siete, non sempre tutte le persone in campagna sanno come fare se lo trovano che vada, se magari è scappato per seguire una femmina in calore  .

 

 

 

 

Come faccio a far smettere il mio cane di abbaiare?

Controllare il livello di rumore emesso dal tuo cane é una parte importante delle responsabilità di un padrone. Dopo tutto, un abbaiare prolungato puó arrecare fastidio non solo a te, ma anche ai tuoi vicini.

 

Perché tanto rumore

Il primo passo per affrontare il problema é capire perché il tuo cane abbaia. Alcuni cani abbaiano per far capire che vogliono qualcosa. Forse hanno fame, sete, o vogliono semplicemente giocare.

Quando questo comportamento diventa irragionevole, é giunta l’ora di insegnargli altri modi per attirare la tua attenzione; ad esempio porgendo la zampa o aspettando sulla porta o davanti alla ciotola.

 

Tempo di giocare

Molti cani abbaiano quando vedono altri cani che li invitano a giocare. Questo é perfettamente normale, ma sta a te decidere qual è il limite oltre il quale abbaiare non é piú accettabile. In questo caso dovrai aspettare che si calmi per lasciarlo giocare.

 

A casa da solo

Il tuo cane potrebbe abbaiare quando si trova a casa da solo. Prova a lasciare un po’ di musica o una radio con dei rumori familiari. Puoi anche dargli dei giochi che richiedono molta attenzione per tenerlo occupato mentre non ci sei.

Un buon modo per ridurre l’ansia é dare al tuo cane un pezzo di stoffa non lavata o qualunque cosa che abbia ancora l’odore della sua famiglia.

Quando torni a casa passa più tempo possibile con lui, permettigli di giocare e fagli fare esercizi. Gli sarai mancato, e non ci sará modo migliore per ristabilire il legame.

 

In guardia

Una delle ragioni più comuni per cui i cani abbaiano é l’allarme. Se il tuo cane vede qualcuno avvicinarsi alla casa abbaierà per comunicartelo. Dato che ti riconosce come il capo, ti spingerà ad investigare sul potenziale pericolo.

Alcuni cani sono stati addestrati per dare l’allarme e potresti desiderare che questo comportamento venga incoraggiato. Lascia abbaiare il tuo cane per attirare la tua attenzione, ma fallo tacere se ti rendi conto che non vi sono intrusi.

 

Sii coerente

L’addestramento, in tutti i suoi aspetti, richiede sistemicità. I cani rispondono alla routine e questo aumenterá immensamente le possibilità di successo. Forse hai già iniziato lezioni di ubbidienza con il tuo cucciolo. In caso contrario, perché non cominciare adesso? Non é mai troppo tardi per insegnare a dei cani, anche anziani,  dei nuovi esercizi. Inoltre le lezioni sono i momenti piú adatti per imparare a gestire il tuo cane.

Silenzio

Un modo per insegnare al tuo cane a zittirsi a un tuo comando è quello di distrarlo ogni volta che abbaia. Usa qualcosa di molto rumoroso, come una lattina piena di monete, per attirare la sua attenzione, e poi pronuncia il comando “silenzio” con molta fermezza.

Quando il tuo cane smette di abbaiare ricompensalo. Non alzare mai la voce quando vuoi che smetta. Questo potrebbe casuale ansia e pregiudicare l’apprendimento. Inoltre é possibile che si confonda se pensa che anche tu stia “abbaiando”. Urlare non fa altro che rinforzare l’abitudine di abbaiare.

Riassumendo

L’addestramento é sempre il modo migliore per correggere il comportamento del tuo cane. Ricorda peró che abbaiare é, nella maggior parte dei casi, una cosa normale da fare per un cane. Intervieni solo quando questa abitudine diventa irragionevole o fastidiosa.

Se l’abbaiare persiste, il tuo veterinario ti darà ulteriori consigli e potrà anche suggerirti altre tecniche di addestramento.

 

 

La giusta scelta di giochi

I cani amano giocare, sia con i loro padroni che da soli. Per il tuo cane il momento del gioco è un’ importante opportunità per esercitarsi, stimolare la mente e creare uno stretto legame con te! Quindi assicurati di avere il tipo di gioco giusto, necessario per il suo divertimento e la sua sicurezza.

 

Prima la sicurezza

Assicurati che ogni gioco sia della giusta grandezza; i giochi troppo piccoli possono essere ingoiati, provocando sia il pericolo di soffocamento che  di danni allo stomaco o all’intestino. Allo stesso modo fa attenzione a corde, nastri o elastici: il cane potrebbe trovarli interessanti, ma non costituiscono un buon gioco.

Proprio come per i bambini piccoli, dovresti evitare di dargli qualsiasi giocattolo da cui si possano staccare piccole parti che potrebbero accidentalmente essere ingerite (come gli occhi di plastica degli animali in stoffa). La regola d’oro per QUALSIASI gioco è che una volta che inizia a rompersi o a perdere pezzi deve essere sostituito.

 

Vai a prenderlo!

Una pallina da tennis è la classica scelta adatta per giocare con il tuo cane. Rimbalza, può essere morsa e può essere facilmente lanciata (attenzione a non abusare con i giochi con le palline con i golden, diventano ossessivi) . Anche i frisbee sono dei fantastici giocattoli se al tuo cane piace correre dietro a quello che gli lanci. Quando compri un frisbee, fai attenzione alla superficie: è preferibile che sia in gomma morbida o di stoffa. Anche se non volano molto lontano, sono più morbidi per i denti del tuo cane. E meglio di tutto cerca di venire a prendere il dummy da cucciolo.

Se un oggetto rimbalza irregolarmente sarà ancora più interessante. Il tuo cane non potrà prevedere dove andrà  e quindi diventa un gioco molto divertente per lui. Palline di gomma dura o con una coda di corda spessa salteranno e rimbalzeranno irregolarmente. I giochi in gomma dura sono una buona scelta in generale perché possono essere lanciati, masticati o fatti rotolare. Una buona idea per tenere il cane occupato per un po’ di tempo è quella di inserire all’interno di un gioco dei croccantini spezzati. Dovrà spingerlo, rotolarlo, masticarlo prima di far uscire l’intero croccantino. Questa può essere un’attività estremamente interessante per il tuo cane e anche un bello spettacolo per te!

 

Tric, Trac!

I giochi che fanno rumore possono essere molto divertenti per i cani. La maggior parte sono contenti solo di masticare il gioco e fargli fare rumore, ma altri hanno l’istinto di scovare cosa produce il rumore, quindi assicurati che l’oggetto all’interno sia fissato con cura. Come sempre, se il gioco comincia a rompersi, deve essere sostituito.

Ad alcuni cani piacciono i giochi in tessuto morbido. Li coccolano, li portano in giro, ci saltano sopra, si siedono sopra e li leccano. L’ideale è lavarlo in lavatrice ogni tanto. Un ultimo consiglio: non comprare molti giocattoli al tuo cane tutti insieme. Fallo giocare con pochi alla volta e cambiali ogni paio di settimane. Questo trucco fara sì che il cane sia sempre attratto dai giochi e che li percepisca come novità. Puoi anche nascondere i giochi affinché li ritrovi: è un bel modo per sorprenderlo e renderlo partecipe al gioco.

 

 

Per i ns goldenini, insieme a tutti i documenti, vi darò,  gli aiuti scritti, per permettervi in casa per chi ha bambini, di dar delle regole facili, soprattutto per dar gli strumenti informativi ai  vs bambini, che vedrete saranno anche loro, a dare ai loro amichetti –cuginetti, queste regole.  quando vi vengono a casa a trovare, sono facili queste raccomandazioni, per non dar fastidio al cucciolo.

 

 

 

INFINE, si ripete anche questo elenco:

 

▪      ALIMENTI COMUNI TOSSICI
Evitate di somministrare al vostro cane i seguenti alimenti:

▪      bevande alcoliche
- Avocado
- cioccolata (di tutti i tipi e in tutte le forme)
- cacao (di tutti i tipi e in tutte le forme)
- caffé (di tutti i tipi e in tutte le forme)
- cibi grassi
- noci di Macadamia
- cibi avariati o scaduti
- cipolle, cipolle in polvere: in quantità
- uva, uva passa
- sale: in quantità
- lievito per il pane
- aglio: in quantità (ma potete dare in compresse il GARLIK)
- prodotti dolcificati con xilitolo (caramelle senza zucchero, ecc)
- funghi non identificati o non commestibili per l’uomo– le foglie ed i germogli di patata
- le foglie di rabarbaro
- le foglie e germogli di pomodoro
- semi di senape.

▪      Oltre a non lasciare in giro olio per motore, anticongelati etc e/o antilumaghifici (che sono particolarmente appetibili per i cani), o altri veleni, ammoniaca e varecchina, spaghi e quant’altro possa ingerire un cucciolo (dovete avere esattamente la stessa attenzione che avreste con un bimbo di 2 o 3 anni)

PIANTE “DI CASA” TOSSICHE
generano tutte effetti gravi se ingerite anche in bassa quantità

– Palma da sago ( Cycas Revoluta)
anche l’ingestione di un solo seme (o noce) causa effetti gravi
- Gigli, tulipani
tossici soprattutto per i gatti- Azalea/rododendro (letale)Oleandro (letale)Semi di ricino (letale)Ciclamino (in alcuni casi letale)
la più alta concentrazione di questo componente tossico è posizionata tipicamente nella parte della radice della pianta.Kalanchoe (pianta grassa)Tasso (letale)Stella di natale (euphorbia pulcherrima)Dieffenbachia
specialmente tossica per i gattiVischio
bacche di Agrifoglio
Lauroceraso (prunus laurocerasus)
contiene cianuroOrtensia
Marijuana (coma)

LISTA DI PIANTE PER CUI SONO STATI SEGNALATI EFFETTI TOSSICI:

Aloe – Amaryllis – Andromeda Japonica – Giglio asiatico (Liliaceae) – foglie di Asparago – Noce australiana -Croco autunnale – Avogado – Azalea – Uccello del Paradiso – Dulcamara americana – Dulcamara europea – Edera – Pino buddista (Podocarpo) – Ippocastano (castagne) – Caladium – Giglio di Calla – Semi di ricino – Monstera deliciosa – Diffenbachia – Albero di Branello o del chinaberry – Aglaonema ( Chinese evergreen) – Elleboro ( rosa di Natale) – Clematis – Cordatum – spighe e piante di grano e cereali – Filodendro (Monstera deliciosa) -Cycads – Ciclamino – Giunchilia (pseudo-narciso) – Giglio – Pothos – Morella comune, Erba morella (solanum) – Giglio (Easter Lily) – Alocasia, (Orecchio d’elefante, Taro) – Felci – Edera inglese – Filodendro – -Anturio (Anthurium, Flamingo Plant) – “Florida Beauty” – Digitale – Monstera deliciosa (Pianta del pane americana) – Gladiolas – Giglio – Dracaena – Nephthysis – Nandina domestica (Heavenly Bamboo) – Giacinto – Agrifoglio – Tasso – Hydrangea – Ciliegio d’inverno (Solanum pseudocapsicum) -Kalanchoe – Asparagina – Filodendro – Noce di Macadamia – Albero di drago del Madagascar – Epipremnum aureum – Marijuana – Albero del pane messicano – Morning glory (Rivea corymbosa) – vischio – Sansevieria trifasciata – narciso – Cipolla – Oleandro – Abrus precatorius (liquirizia indiana o albero dei rosari – semi grossi ) – noce del queensland (australia) – Filodendro – Schefflera – Pianta del pomodoro -Yucca – Tasso

(per dettagli su molte di queste piante:
http://www.casafreccia.it/alimentazione_velenose.html

Per visionare immagini delle piante menzionate, fare “copia e incolla” su Google images )

«
»