Mentre a casa, noi ci occupiamo del vs futuro cucciolo ( a farlo sono io e quella che è la mamma dei cuccioli, nella turnazione delle nascite)

 cuccioli1

Prima  che prendiate un cucciolo, leggete questa premessa, se non mi avete già telefonato -e quel caso mi ripeto, e vi ricordo-,  in ogni cucciolata, effettuo su tutti i cuccioli, un test caratteriale (il test di Campbell, modificato per i golden retrievers), che effettuo, su ogni cucciolo a 57-58 giorni di vita, per essere certa di dare il cane adatto ad ogni famiglia, se volete prendere un mio golden, fidatevi di me, ed io cercherò in tutti modi di accontentarvi –per questo è importante che io vi conosca-; non pensiate che a 60gg , uno riesca a capire, con certezza se esiste il più bello e/o il più brutto, ma sicuramente esiste il golden, nella cucciolata, che sarà più adatto a voi, alle vs esigenze di vita, che  possa nel modo migliore interagire con tutti i componenti della famiglia – dove potrà coesiste, sia con un bambino esuberante che un bambino pauroso; oppure ci sarà un futuro proprietario poco sportivo ed un pochino più maturo di età, che ha voglia di tante coccole, oppure un futuro proprietario attivo e sportivo -.

 

 cuccioli2

cuccioli3

cuccioli4

cuccioli5

Preparatevi con un pochino di pazienza alle mie domande –sono fatte solo per essere certa che il mio cucciolo abbia una bellissima lunga vita con voi, e voi con lui /lei-.  Non mi chiamate, se pensate che la collocazione in famiglia per  vs golden, sarà in casetta fuori casa, in un box fuori, avete sbagliato in tal caso razza di cane, ed allevatore. Il golden, il vero golden retrievers,  è il cane inadatto a vivere fuori casa, fuori della vs vita, vi dimostrerò anche perché, se venite a trovarmi.

E dato che il golden, è un cane diverso da qualsiasi altro cane,  è bene che leggiate prima, i “miei consigli sulla sua gestione” .

 cuccioli6

I goldenini Code di Zucchero, sono dei cuccioli che ricevono, una grandissima socializzazione, sia con tanti tipi di animali, che con le persone, per loro i gatti, sono amici di casa, ed anche gli animali domestici.

Di solito, già a 60gg, se seguite subito i miei suggerimenti,  i miei cuccioli,  sono sempre in grado  di contenere i bisognini –per il giusto tempo di tempo che un cucciolo può trattenere i suoi bisognini , e riconoscono gli spazi interni della casa, e gli spazi esterni (dove fare i bisognini). Se vi applicate, non avrete difficoltà a proseguire su questa buona educazione.

Il cucciolo, deve mangiare 3 volte al giorno fino a 6 mesi, per poi a 7 mesi mangiare i pasti , due volte al giorno la mattina e la sera (lasciando un lasso temporale di 10-12 ore tra i due pasti).

Suggerisco l’uso della gabbia tana, per i loro riposi, specialmente notturni.

I cuccioli escono da casa mia, non prima dei 60gg, di vita con il primo vaccino fatto dal dr. Massimiliano Nori, -il direttore sanitario del mio allevamento-, ed il microchip quindi già inserito.

Tutti i cuccioli sono muniti di pedigree Enci, sono figli di genitori, nonni, bisnonni, ed avi esenti dalla displasie.

 

BEN VENUTO A CASA CUCCIOLO

L’arrivo del cucciolo a casa è un’evento importante, organizzatevi prima, seguendo questi consigli di base, -e soprattutto poi quelli che vi dirò per farlo crescere bene.

Prima di portarlo a casa, organizzate prima al vs golden le cose essenziali. Quindi preparandogli la sua cuccia e le sue ciotole.

Il nome, iniziate a chiamarlo subito con il suo nome, una volta che arriverà e vedrete come rapidamente si abituerà a questo richiamo.

La sua cuccia, preparatevela prima del suo arrivo, deve essere morbida imbottita con asciugamani o coperte, o cuscinoni, và sistemata in angoli accoglienti, incoraggerà il cucciolo a dormirci ad essere la sua tana. NON TRASCURATE LE INDICAZIONI CHE VI DIAMO SULLA GABBIA=TANA, PER FARLO CRESCERE IN SICUREZZA, un golden cresce molto velocemente il primi 9-10 mesi della sua vita (a seguire alla fine di questo capitolo leggere i consigli per la sua cuccia da attare subito come arriva a casa vs.).

Le sue ciotole per il cibo e l’acqua, devono essere in acciaio inossidabile, magari non ribaltabile quella dell’acqua. Si raccomanda di lasciare sempre la ciotola piena di acqua fresca pulita ogni giorno a disposizione sempre del cucciolo. Le ciotole devono essere pulite ogni giorno.

Accessori, il golden ha bisogno di una buona spazzolata una volta alla settimana con la spazzola apposita, un cardatore, se lo abituate fin da piccolo apprezzerà maggiomente queste attenzioni, che saranno interpretate come coccole.

Una volta che avrà terminato da 15 gg il suo ciclo di vaccinazioni e quindi sarà così protetto, potrà uscire acquistategli il collare e guinzaglio adatto a questo cucciolo, ricordandovi che lui/lei crescerà rapidamente ogni mese. I giocattoli masticabili adatti al cucciolo non devono mai mancare ad un cucciolo.

La pappa il piccolo arriverà in casa già svezzato, sicuramente vi forniremo di un piccolo set di pappa, puppy per i suoi primissimi pasti, e per non fargli cambiare l’alimentazione e quindi evitare di mandarlo in diarrea. Ovviamente dovete subito procuravi la continuazione del suo alimento, il giorno stesso, che sarà del tipo large breed puppy (o continuando della stessa marca di alta qualità che uso io, o di un’altra marca altrettanto valida, parlatene con me prima di fare il cambiamento però) che dovrà essergli somministrata per tutto il suo primo anno di vita. La pappa da quando arriva che ha 2 mesi ai suoi 5 mesi deve essere data 3 volte al giorno, dopo di chè si passerà a due volte al giorno, vicino alla ciotola dell’acqua.

Le orecchie essere sempre pulite, mai con il coton fioc, chiedete come.

 

Trasportino per la macchina quando sarà arrivato il momento di portarlo a casa, quando andate dall’allevatore per ritirarlo, se siete soli, munitevi allora subito con il suo trasportino da macchina, e prendetelo del tipo grande ad suo uso anche di quando diventerà un golden adulto (cresce molto in fretta il golden). Questo sarà un’accessorio sarà fondamentale e lo userete sempre per spostarlo in sicurezza in macchina tutta la sua vita.

Antiparassitari non trascurate di rinnovare la pipetta (spot on) antiparassitaria ad intervalli regolari al vs cane farete un’ottima prevenzione sicura anche agli ambienti della vs. casa. Ovviamente da cucciolo deve essere adeguata ai suoi mesi.

Sverminazione Sverminazione il cucciolo arriverà a casa già sverminato dai vermini che tendono a prendersi facilmente tutti i cuccioli durante l’allattamento, ma un controllo dal vs veterinario qual’ora sia in diarrea, o perdesse peso o presentasse un gonfiore al livello dello stomaco dovrete sempre farlo.

Una casa a prova di cane i cuccioli sono come bambini piccoli curiosi e vivaci. Occorre prendere pochi precauzioni e provvedimenti di base: 
• Riponete tutti i materiali velenosi o pericolosi in un’armadietto come pure i farmaci; 
• Cioccolato attenzione anche per il cane può essere tossico ed anche letale perché all’interno contiene teobromina; 
• Ossa crude o cotte (specialmente di carne rossa o pollame) perché possono incastrarsi in gola o nell’intestino, possono danneggiare i denti o causare stipsi; 
• Evitate di dargli pure biscotti dolci, perché hanno un tenore di grassi elevato con un basso valore nutrizionale; 
• Conservate le buste di plastica in un luogo sicuro per evitare che non costituiscono pericoli di strangolamento o soffocamento; 
• Tenere lontano il gattino dalle cianfrusaglie tipo forbici, spaghi, aghi, fili, elastici e tutto ciò che potrebbe essere facilmente ingerito, o forbici e coltelli o siringhe; 
• I fili elettrici dovrebbero essere fissati al muro o avvolti e legati per evitare che il gattino prenda la scossa; 
• Tenete chiusi gli sportelli degli apparecchi elettronici in modo che il cucciolino non vi si possa arrampicare dentro; 
• Attenzione alle piante velenose per i gatti (ad esempio: azalee, gigli, giunchiglie grandi, foglie e steli di pomodoro, digitale, ortensie, filodendri, vischio o stella di Natale, agrifoglio, edera, tasso etc etc). 
• Nel ripostiglio del giardino (o in un’armadio chiuso)tenete chiusi i pesticidi,i detersivi, gli antigelo, i fertilizzanti, i disserbanti, il veleno per topi e lumache, i fertilizzanti contenenti acqua hanno un sapore esotico pericolossissimo se ingeriti, tutto questo se verrà accidentalmente ingerito dal vs. cane portatelo subito dal veterinario.

Ultima cosa, se prendete un cucciolo da me, dovete ESSERE UN PADRONE RESPONSABILE.

Perché se decidere di prendere un cane, significa comprendere che si stà assumendo un’impegno per tutta la vita. Prepararsi ad essere dei padroni responsabili è la base per una convivenza felice e gratificante con il proprio cane. Ma quali considerazioni è utile fare?Quali sono le necessità di questo legame? Perché si tratta di un rapporto a due e non di una relazione a senso unico, bisogna chiedersi se si è adatti all’animale scelto e viceversa. Le necessità del padrone, riflettete su cosa ci si aspetta dal cane e cosa si pensa di potergli offrire.

 

Stile di vita, il golden è lo strumento per costringervi a fare una vita sana e non stanziarla, questo cane uno volta adulto, deve costringervi a fare un’attività fisica giornaliera, parlo almeno di passeggiate di 2 ore complessive al giorno (attenzione portarlo al parco, non significa che lo accompagnate nell’area dei cani e vi sedete nella panchina, come fareste con un bimbo; benissimo mezz’oretta di socializzazione con gli altri cani, ma poi dovete camminate con lui ne avrete un beneficio in salute anche voi).

Dimensioni della casa. Scriveva Konrad Lorenz, che non è importante per un cane la dimensione della casa, perché il cane ha bisogno e desidera solo di stare vicino a noi. E’ importante però consentirgli di uscire e fare molto movimento in alcuni momenti della giornata..

Le necessità del cane:tempo, il golden ha necessità del vs. tempo, compatibilmente al vs. lavoro, denaro, per effettuare la prevenzione sanitaria, le analisi annuali, un buon cibo, gli antiparassitari esercizio, per scaricare la sua energia, e per scaricare la sua testa quando resta troppo tempo a casa ad aspettarvi, e l’esercizio quotidiano da adulto gli servirà per il suo normale fabbisogno fisico essendo un cane “da lavoro” -anche se assecondandovi da adulto può diventare un grasso pigrone salottiero (non snaturatelo sarebbe un peccato!)-.

In un paragrafo scritto dentro il bottone chiamato “il mio allevamento di golden retriever” c’è un lungo per chi è adatto un golden retriever, soffermatevi a leggerlo e valutate questa scelta.

La cuccia per il vs. golden durante la sua crescita, è un consiglio importante per far crescere bene un retriever è questo “la cuccia”.

Il cucciolo ha bisogno di uno spazio tutto suo, ricordandovi che i suoi primi mesi di vita da quando sarà con voi, avrà bisogno di dormire molto. Ormai quasi tutti gli allevatori del retriever club, consigliano a tutti (sia ai neofiti che direttamente gli allevatori amatoriali per i loro cuccioli che tengono) l’uso della collaudata gabbia metallica (che deve essere di dimensioni adatte (min. 90 cm – max 120 cm) a quando il cucciolo diventerà un cane adulto –sono di tipo chiudibili a libro, per un facile trasporto)-, meglio se poi su una parte metterete anche un cartone, nella parte in cui dorme, si sentirà ancora meglio. Perché? Una caverna costituiva la casa degli antenati selvatici del cane, così il vs. cucciolo per istinto si sentirà più protetto in ogni suo luogo che ricordi remotamente una caverna. Anche se si tratti semplicemente di uno scatolone rovesciato lateralmente! dentro la quale gli inserirete il suo cuscinone, o un asciugamano ed un grande pupazzo, e la sua cuccia è completata. I cani non sporcano dove dormono e si sentono protetti se “recintati” o riparati ( ad esempio dentro un kennel, una gabbia di plastica, o detta gabbia che funge da tana). Queste gabbie vengono utilizzati per confinare il cane per ragioni di sicurezza, addestramento all’appartamento, per proteggere mobili e affini, per i viaggi, in caso di malattia o più semplicemente come cuccia. Mettetegli questa cuccia in un’angolo caldo e lontano dalle correnti d’aria. Rispettate la privacy del vs. cucciolo quando si trova nell’angolino tutto suo: non tiratelo fuori ne permettete che i bambini lo stuzzichino o lo disturbino; lasciatelo dov’è. Quando si trova nel suo angolino ha bisogno di sentirsi al sicuro. Cercate però DI NON LASCIARLO RINCHIUSO Lì PER TROPPO TEMPO E NON MANDATELO NEL SUO RIFUGIO QUANDO SI è COMPORTATO MALE. Ciò indurrebbe a considerare la sua cuccia un luogo di punizione piuttosto che un confortevole rifugio. Vi farà piacere vederlo riposare o rannicchiarsi comodamente per la notte senza piangere o guaire. E saprete che non corre nessun pericolo, anche quando per qualche ora vi dovete assentare e non potete sorvegliarlo. Vedrete come il cucciolo che già da noi a soli 60gg giorni quando ve lo do, ha imparato a trattenere la pipi e farla solo fuori nel giardino; se voi seguirete i miei consigli e rispettere i brevi tempi iniziali di trattenimento da una pipi all’altra –che vi darò io-, il vs. golden non vi sporcherà in casa, neanche da cucciolo, inoltre vedrete che imparerà con la gabbia a trattenerla lì dentro sempre un pochino di più, perché non la farà mai dentro la cuccia (ovviamente se questa non diventa la sua maledetta cella carceraria! Perchè attenzione si parla di lasciarlo dentro solo di qualche ora durante il giorno, per le vs. commissioni, tipo andare al cinema, e non per ininterrotte 5-6 ore , perché inesorabilmente quella diventerebbe un carcere, e voi i suoi carcerieri!)

Finito il suo periodo di crescita turbolento per un retriever –in cui il cucciolo di golden se lasciato, annoiandosi può farsi male -rosicchiando cavi elettrici ad esempio o distruggervi mobili, scatenarsi in salti etc-), la sua gabbia la potete anche lasciare definitivamente aperta (10-12 mesi circa), e quella ormai è la sua tana / la sua cuccia, se volete la potete lasciare lì, e all’uso portarvela con lui nei viaggi in cui sarete ospiti o quando vi capiterà di andare con il cane in albergo, per il quella sarà sempre la sua tana di sicurezza. Quando il cane è abituato fin da cucciolo, vi entrerà da solo e volentieri, dove si sentirà protetto e “a casa sua”, dovunque si trovi.

«
»